IMU :: Comune di Vaglia ::
Accessibilità
A+ A-   Larghezza pagina minima Larghezza pagina minima Larghezza pagina massima  
IMU
Imposta Municipale Propria (IMU)
(data ultima modifica: 08/07/14)
A partire dall'anno 2012 è stata istituita la nuova Imposta Municipale Propria (IMU) in sostituzione dell'ICI e dell'IRPEF e relative addizionali dovute con riferimento ai redditi fondiari relativi ai beni non locati.
Ufficio: Tributi
Referente: Adoni Sandra;
Responsabile: Dott. Matteo Pacetti
Indirizzo: Via Bolognese 1136- 50036 Vaglia (FI)
Telefono: 055/5002407-055/5002408
Fax: 055/407545
Email: s.adoni@comune.vaglia.firenze.it ; a.sagrinati@comune.vaglia.firenze.it
Orario di apertura: Martedì 8.00-14.00 e 15.00-1800; Giovedì 8.00-14.00 e 15.00-17.00
Requisiti
CHI DEVE PAGARE
I possessori di:
  • fabbricati iscritti o iscrivibili in catasto, compresi quelli adibiti ad abitazione principale e pertinenze della stessa;
  • aree edificabili.
Devono pagare anche i soggetti passivi, ovvero:
  • Proprietari di immobili e titolari dei diritti reali di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli immobili stessi;
  • Coniuge assegnatario dell'immobile a seguito di separazione legale o divorzio.
I terreni agricoli sono esenti dall'imposta ai sensi dell'art. 7 comma 1 lett. h) del D.Lgs 504/92 e ai sensi dell'art. 8 del D.Lgs. 23/2011, in quanto Vaglia è classificato Comune montano.
Sono altresì esenti i fabbricati rurali ad uso strumentale (cat. D/10) in quanto il Comune di Vaglia è incluso nell'elenco dei comuni classificati montani predisposto dall'ISTAT.
Informazioni
COME SI CALCOLA L'IMPOSTA DA PAGARE
Per calcolare quanto si deve pagare è necessario applicare alla cosiddetta "base imponibile" l'aliquota relativa all'immobile e l'eventuale detrazione d'imposta, se spettante. La base imponibile si ottiene con la seguente formula:

per i fabbricati:
Base imponibile = Rendita Catastale + 5% x Coefficiente di moltiplicazione 

CATEGORIA CATASTALE

MOLTIPLICATORE

GRUPPO CAT. A (escluso A/10) e

C/2, C/6 e C/7

160

GRUPPO CAT. B e C/3, C/4 e C/5


140

D/5


80

A/10


80

GRUPPO CAT. D (escluso D/5)

60

elevato a 65 dal 1.1.2013

C/1


55


Il calcolo dell'IMU annua si effettua secondo questa formula: IMU annua = Base imponibile x aliquota% Applicando questa formula si determina l'IMU dovuta per tutto l'anno. Se si deve pagare solo per una parte dell'anno (perché, per esempio, é avvenuta una compravendita nel corso dell'anno medesimo) si deve ricordare di proporzionare l'imposta dovuta ai mesi di possesso. Si considera dovuto per intero il mese nel quale si è avuto un periodo di possesso dell'immobile di almeno 15 giorni consecutivi.

per le aree edificabili:
valore venale in comune commercio al 1° gennaio dell'anno di imposizione. Con deliberazione n. 27 dell'20.4.2004 e successive modifiche ed integrazioni sono stati determinati i valori delle aree edificabili ai fini della limitazione del potere di accertamento del Comune.

La base imponibile è ridotta del 50%:
  • per i fabbricati di interesse storico o artistico di cui all'art. 10 del D.Lgs. 22.01.2004 n. 42;
  • per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell'anno durante il quale sussistono dette condizioni.

L'inagibilità e inabitabilità è accertata dall'ufficio tecnico comunale con perizia a carico del proprietario, che allega idonea documentazione alla dichiarazione. In alternativa, il contribuente ha facoltà di presentare una dichiarazione sostitutiva ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, rispetto a quanto previsto dal periodo precedente. Agli effetti dell'applicazione della riduzione alla metà della base imponibile, i comuni possono disciplinare le caratteristiche di fatiscenza sopravvenuta del fabbricato, non superabile con interventi di manutenzione. 

ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE

Immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l'abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile.
Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo.
Precisazioni:
A differenza di quanto succedeva per l'ICI, l'IMU si applica anche alle abitazioni principali e pertinenze dei coltivatori diretti ed imprenditori agricoli.
E' stata abolita per legge l'equiparazione all'abitazione principale degli immobili concessi in uso gratuito ai parenti. 

QUANDO E COME PAGARE

ALIQUOTE
Scaricare l'allegato con le aliquote presente in questa pagina


DETRAZIONI
Dall'imposta dovuta per l'unità immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo e per le relative pertinenze, si detraggono, fino a concorrenza del suo ammontare, euro 200 rapportati al periodo dell'anno durante il quale si protrae tale destinazione; se l'unità immobiliare è adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi proporzionalmente alla quota per la quale la destinazione medesima di verifica. Per gli anni 2012 e 2013, la detrazione è maggiorata di 50 euro per ciascun figlio di età non superiore a ventisei anni, purché dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell'unità immobiliare adibita ad abitazione principale. L'importo di questa ulteriore detrazione non può superare i 400 euro.

VERSAMENTO
Per l'anno 2012 per l'ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE potrà essere effettuato:

  • in 2 rate: 1^ rata pari al 50% entro il 18 giugno - 2^ rata a conguaglio entro il 17 dicembre;
  • in 3 rate: 1^ rata pari ad 1/3 entro il 18 giugno 2^ rata pari ad 1/3 entro il 17 settembre - 3^ rata a conguaglio entro il 17 dicembre.

Per gli ALTRI IMMOBILI e per le AREE EDIFICABILI dovrà essere effettuato in 2 rate:
  • 1^ rata pari al 50% entro il 18 giugno - 2^ rata a conguaglio entro il 17 dicembre.

In sede di conguaglio si dovrà tenere conto delle aliquote deliberate dal Comune.

Il pagamento dell'acconto potrà essere effettuato esclusivamente mediante il modello F24.
Il codice catastale del Comune di Vaglia da indicare sul modello è: L529
I codici tributo sono i seguenti:
Abitazione principale e relative pertinenze: 3912
Aree fabbricabili: quota Comune 3916
Aree fabbricabili: quota Stato 3917
Altri fabbricati: quota Comune 3918
Altri fabbricati: quota Stato 3919

Quota destinata allo Stato
E' pari alla metà dell'importo calcolato applicando l'aliquota di base alla base imponibile di tutti gli immobili (in pratica il 3,8 per mille o 0,38%) ad eccezione dell'abitazione principale e pertinenze; in tal caso infatti l'imposta spetta per intero al Comune.

FABBRICATI RURALI ISCRITTI NEL CATASTO TERRENI
Questi immobili devono essere dichiarati al catasto edilizio urbano entro il 30 NOVEMBRE 2012, con le modalità stabilite dal Decreto del Ministro delle Finanze 19.04.1994, n. 701 (procedura DOCFA).
Per l'anno 2012 il versamento dell'imposta su questi immobili dovrà essere effettuato in un'unica soluzione entro il 17 dicembre.

DICHIARAZIONI
I soggetti passivi devono presentare la dichiarazione entro 90 giorni dalla data in cui il possesso ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta. La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi sempre che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell'imposta dovuta. Per gli immobili per i quali l'obbligo dichiarativo è sorto dal 1° gennaio 2012, la dichiarazione deve essere presentata entro il 30 settembre 2012. Con apposito decreto verrà approvato il modello e saranno disciplinati i casi in cui la dichiarazione deve essere presentata.