Accessibilità
A+ A-   Larghezza pagina minima Larghezza pagina minima Larghezza pagina massima  
Chiudi l'avviso
Feedback!
Aiutaci a migliorare!
La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sulla scritta "Feedback" sopra questo messaggio. Grazie!
IMU
IMU Chi deve pagare
(data ultima modifica: 11/07/16)
Ufficio: Entrate e Fiscalità Locale
Referente: Dott.ssa Simona Stondei
Responsabile: Dott. Antonello Bastiani
Indirizzo: P.le della Resistenza - 50018 Scandicci piano I
Telefono: 055.7591224
Fax: 055.7591433
Email: ufficiotributi@comune.scandicci.fi.it
Orario di apertura: Lunedì, Martedì, Venerdì 8.30-12.30, Giovedì 8.30-12.00 e 15.00-18.00
Requisiti

L'I.M.U. - Imposta Municipale Propria è dovuta:

·  dai proprietari di immobili (fabbricati, terreni agricoli ed aree fabbricabili);

·  dai titolari del diritto reale di usufrutto, abitazione, uso, enfiteusi, superficie;

·  dal locatario dell'immobile concesso in locazione finanziaria (leasing);

·  dal concessionario nel caso di concessione su area demaniale.

L'Imposta municipale propria non si applica al possesso dell'abitazione principale e delle pertinenze della stessa, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, per le quali continuano ad applicarsi l'aliquota e le detrazioni deliberate dal competente organo comunale.

L'imposta municipale propria non si applica, altresì, con l'eccezione delle unità immobiliari classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 :

  • alle unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, incluse le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa destinate a studenti universitari, anche in deroga al requisito della residenza anagrafica;
  • ai fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal decreto del Ministro delle infrastrutture 22 aprile 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 146 del 24 giugno 2008;
  • alla casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;
  • a un unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 28, comma 1, del decreto legislativo 19 maggio 2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica.

L'imposta è dovuta anche se i contribuenti risiedono all'estero, salvo quanto disposto dall'articolo 5 del Regolamento TASI.

Non sono soggetti al pagamento i nudi proprietari e i locatari degli immobili, con esclusione del locatario finanziario.

In caso di successione il coniuge superstite che mantiene la residenza nell'abitazione coniugale diviene titolare del diritto di abitazione su tale immobile e sulle relative pertinenze, ai sensi dell'art. 540 C.C., e quindi soggetto passivo d'imposta al 100%, anche in presenza di altri eredi.

ABITAZIONE PRINCIPALE

 Per unità immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo s'intende:

·  L'immobile iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente.

 a) Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati sul  territorio comunale, le agevolazioni previste per l'abitazione principale e le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare sono riconosciute soltanto per un solo immobile. Il contribuente è tenuto a presentare idonea comunicazione all'Amministrazione Comunale, anche utilizzando il modello predisposto dall'ufficio, indicando quale immobile costituisce abitazione principale del nucleo familiare.

b) Nel caso, invece, di immobili diversi di cui soltanto uno situato sul territorio comunale è possibile riconoscere le agevolazioni previste per l'abitazione principale e le relative pertinenze esclusivamente al contribuente che vi dimora abitualmente e vi risiede anagraficamente.

Se l'abitazione principale è costituita da 2 o più unità immobiliari a destinazione abitativa, sia l'aliquota che la detrazione per l'abitazione principale, deliberate dal competente organo comunale, competono soltanto per una di esse.

PERTINENZE

Sono considerate pertinenze dell'abitazione principale, anche se non appartenenti allo stesso fabbricato, quelle destinate ed effettivamente utilizzate in modo durevole a servizio dell'abitazione principale. Si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C2, C6 e C7, nella misura massima di una unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'abitazione. Il soggetto passivo può comunicare all'Amministrazione Comunale, anche utilizzando l'apposito modello predisposto dall'ufficio, le unità immobiliari che costituiscono pertinenza della propria abitazione principale.

 Assegnazione della casa coniugale al coniuge

Ai soli fini dell'Imposta Municipale Propria l'assegnazione della casa coniugale al coniuge, disposta a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, si intende effettuata a titolo di diritto di abitazione, per cui il regime inerente l'abitazione principale e le relative pertinenze è riconosciuto al coniuge assegnatario della ex casa coniugale.

Assimilazioni al regime previsto per l'abitazione principale

 Abitazione e relative pertinenze possedute a titolo di proprietà o di usufrutto da soggetto anziano o disabile, di cui all'articolo 3, comma 56, della L. n. 662/1996, che ha acquisito la residenza in istituto di ricovero sanitario a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata. In caso di più unità immobiliari la predetta agevolazione può essere applicata ad una sola unità immobiliare.

A partire dall'anno 2015 è considerata direttamente adibita ad abitazione principale una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all'AIRE già pensionati nei rispettivi paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia a condizione che non risulti locata o data in comodato d'uso. 

Normativa di riferimento
  • Legge di stabilità 2014;
  • D. Lgs. 14 Marzo 2011 n. 23;
  • D.L. 06.12.2011 n. 201;
  • D.L. 02.03.2012 n. 16;
  • Decreto Legislativo del 30.12.1992, n. 504;
  • Art. 540 del Codice Civile;Regolamento comunale per l'applicazione dell'Imposta Municipale Propria approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 56 del 23.07.2014 e modificato con deliberazioni del 20.05.2015 n. 67 e del 28.04.2016 n. 42;
  • Deliberazione del Consiglio Comunale n. 57 del 23.07.2014;
  • Legge 28.12.2015 n. 208.
Reclami ricorsi opposizioni

Per informazioni di carattere tecnico o amministrativo o per eventuali reclami o suggerimenti, inoltrabili per posta, per fax e consegna al protocollo è a disposizione il personale del Servizio Entrate e Tributi nell'orario di ricevimento al pubblico.

Eventuali ricorsi possono essere inoltrati al giudice  amministrativo (T.A.R.) o in alternativa al Presidente della Repubblica per quanto riguarda gli atti amministrativi, e alla Commissione Tributaria di Firenze per quanto riguarda i provvedimenti tributari.

Moduli
Nome Accordi Territoriali Anno 2004
Oggetto Accordi Territoriali Anno 2004
Nome Agevolazione Legge 431/1998
Oggetto Agevolazione Legge 431/1998
Nome Cessazione Agevolazione
Oggetto Cessazione Agevolazione
Nome Dichiarazione IMU
Oggetto Dichiarazione IMU
Nome Dichiarazione sostitutiva di atto notorio
Oggetto Dichiarazione sostitutiva di atto notorio
Nome Istruzioni Dichiarazione IMU
Oggetto Istruzioni Dichiarazione IMU
Nome Richiesta Rimborso
Oggetto Richiesta Rimborso
Nome Richiesta agevolazione
Oggetto Richiesta agevolazione
Nome Uso gratuito
Oggetto Uso gratuito
Elenco servizi on-line