Accessibilità
A+ A-   Larghezza pagina minima Larghezza pagina minima Larghezza pagina massima  
Chiudi l'avviso
Feedback!
Aiutaci a migliorare!
La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sulla scritta "Feedback" sopra questo messaggio. Grazie!
Concessione diritti di reimpianto
Concessione diritti di reimpianto
(data ultima modifica: 03/09/15)
Il procedimento è finalizzato alla concessione di un diritto di reimpianto di superficie vitata. Il diritto viene concesso previa estirpazione di una superficie vitata iscritta nello schedario viticolo regionale. Lo schedario viticolo è tenuto dall'Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura (ARTEA)
Ufficio: Produzioni Vegetali
Referente: Berti Fernando
Responsabile: Berti Fernando
Indirizzo: Via G. S. Mercadante n. 42, 50144 Firenze - secondo piano, stanza n. 16
Telefono: 0552760624/615/622/682
Fax: 055 2760639
Email: fernando.berti@cittametropolitana.fi.it, virna.picchi@cittametropolitana.fi.it; francesca.sfogli@cittametropolitana.fi.it pec: cittametropolitana.fi@postacert.toscana.it
Requisiti
Conduttori di superfici vitate iscritte nello schedario viticolo regionale
Modalità di richiesta
  • Il conduttore che intende procedere alla estirpazione di una superficie vitata finalizzata alla concessione di un diritto di reimpianto deve presentare una dichiarazione ai sensi del D.P.R. 28/12/2000 n. 445, tramite la DUA (Dichiarazione Unica Aziendale) almeno sessanta giorni prima dell'inizio dei lavori, contenente l'indicazione della superficie vitata che intende estirpare.
  • L'estirpazione deve essere effettuata entro la seconda campagna vitivinicola successiva a quella in cui è stata presentata la dichiarazione.
  • Il conduttore comunica tramite la DUA l'avvenuta estirpazione entro 60 giorni dalla fine dei lavori (eliminazione totale dei ceppi che si trovano su una superficie vitata) e chiede la concessione di un diritto di reimpianto. La presente DUA è soggetta all'imposta di bollo.
  • La Provincia entro 60 giorni, dalla data di protocollazione della Dua di comunicazione dell'avvenuta estirpazione, previo sopralluogo in loco, rilascia il diritto di reimpianto attraverso l'iscrizione e la certificazione del diritto nel "Registro informatico pubblico dei diritti di reimpianto", tenuto dall'Agenzia Regionale Toscana per le erogazioni in agricoltura (ARTEA).
Tempi
  • Il conduttore che intende procedere alla estirpazione di una superficie vitata finalizzata alla concessione di un diritto di reimpianto deve presentare una dichiarazione ai sensi del D.P.R. 28/12/2000 n. 445, tramite la DUA (Dichiarazione Unica Aziendale) almeno sessanta giorni prima dell'inizio dei lavori, contenente l'indicazione della superficie vitata che intende estirpare.
  • L'estirpazione deve essere effettuata entro la seconda campagna vitivinicola successiva a quella in cui è stata presentata la dichiarazione.
  • Il conduttore comunica tramite la DUA l'avvenuta estirpazione entro 60 giorni dalla fine dei lavori (eliminazione totale dei ceppi che si trovano su una superficie vitata) e chiede la concessione di un diritto di reimpianto. La presente DUA è soggetta all'imposta di bollo.
  • La Provincia entro 60 giorni, dalla data di protocollazione della Dua di comunicazione dell'avvenuta estirpazione, previo sopralluogo in loco, rilascia il diritto di reimpianto attraverso l'iscrizione e la certificazione del diritto nel "Registro informatico pubblico dei diritti di reimpianto", tenuto dall'Agenzia Regionale Toscana per le erogazioni in agricoltura (ARTEA).
Informazioni
  • il conduttore che estirpa senza aver presentato la DUA di intenzione di estirpare, è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria di euro 150 per decara o frazione di decara della superficie vitata estirpata;
  • il conduttore che inizia i lavori di estirpazione prima che siano decorsi i 60 giorni dalla presentazione della DUA di intenzione di estirpare, è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria di euro 90 per decara o frazione di decara della superficie vitata estirpata;
  • il conduttore che non comunica o comunica in ritardo (oltre i 60 giorni) l'avvenuta estirpazione è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria di euro 60 per decara o frazione di decara della superficie vitata estirpata.
Normativa di riferimento
articolo 7 della L.R. 68 del 30/11/2012 "Disciplina per la gestione e il controllo del potenziale viticolo";