Accessibilità
A+ A-   Larghezza pagina minima Larghezza pagina minima Larghezza pagina massima  
Cremazioni
Servizi Cimiteriali cremazioni
(data ultima modifica: 28/01/09)
Ufficio: URP e Servizi Demografici
Referente: Novelli Giovanna
Indirizzo: Viale della Republica 24
Telefono: 055 8477212
Fax: 055 8477299
Email: urp@comune.barberino-di-mugello.fi.it
Orario di apertura: martedi-giovedì 15.00-18.00 mercoledi-venerdì-sabato 9.00-12.30 lunedi chiuso
Requisiti

La cremazione deve essere autorizzata dall'Ufficiale di Stato Civile sulla base della volontà espressa dal defunto attraverso una delle seguenti modalità:


a) disposizione testamentaria, tranne nei casi in cui i familiari presentano una dichiarazione autografa del defunto contraria alla cremazione fatta in data successiva a quella della disposizione testamentaria stessa;
b) iscrizione, certificata dal rappresentante legale, ad associazione riconosciuta che abbia tra i propri fini statutari quello della cremazione dei cadaveri dei propri associati, tranne nei casi in cui i familiari presentino una dichiarazione autografa del defunto contraria alla cremazione, fatta in data successiva a quella dell'iscrizione all'associazione. L'iscrizione all'associazione di cui alla presente lettera vale anche contro il parere dei familiari per procedere alla cremazione del
defunto;


In mancanza di disposizione testamentaria la volontà di cremare il defunto deve essere manifestata dal coniuge o, in difetto, dal parente più prossimo individuato secondo gli articoli 74, 75, 76 e 77 del codice civile o, nel caso di concorso di più parenti dello stesso grado, dalla maggioranza assoluta di questi.

Per i minori e le persone interdette la volontà è manifestata dai legali rappresentanti. La dichiarazione di cui sopra si configura come dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, con relativa applicazione, ai fini dell'autenticazione, dell'art. 38 comma del D.P.R. 445/2000.
Dovrà essere resa dichiarazione che il defunto non era portatore di protesi elettroalimentate o che le stesse sono state rimosse a cura e spese dei familiari;

Per quanto riguarda l'affidamento e la dispersione delle ceneri: nel rispetto della volontà del defunto, soggetto affidatario dell'urna e esecutore delle modalità di conservazione e dispersione delle ceneri, può essere qualunque persona, ente o associazione scelta liberamente dal defunto o da chi può manifestarne la volontà, ai sensi della legge R.T. 29/04 art.2 comma 1, e dell'art. 3, comma 1 lettera d), della legge 130/2001. La consegna dell'urna cineraria è effettuata previa sottoscrizione di un documento nel quale il soggetto affidatario dichiara la destinazione finale dell'urna o delle ceneri; tale documento, consegnato in copia al soggetto affidatario, è conservato presso l'impianto di cremazione e presso il Comune in cui è avvenuto il decesso, e costituisce documento che accompagnerà le ceneri.
Il trasporto delle ceneri deve essere espressamente autorizzato e non è soggetto alle misure precauzionali igieniche previste per il trasporto delle salme, salvo diversa indicazione dell'autorità sanitaria ai sensi dell'art. 2 comma 3 della L.R.T. 29/2004.

Deposito provvisorio dell'urna cineraria presso i cimiteri comunali: è consentita la sosta gratuita per un periodo massimo di 12 mesi dell'urna cineraria presso i Cimiteri Comunali. Trascorso il termine suddetto, senza che le procedure per la conservazione, l'affido o la dispersione siano state definite, o in caso di disinteresse da parte dei familiari, le ceneri verranno avviate d'ufficio al Cinerario Comune.

Modalità di richiesta
Per richiedere l'autorizzazione alla cremazione è necessario recarsi nell'orario di apertura sopra indicato presso l'Ufficio Relazioni con il Pubblico e Servizi Demografici.
Costi

Con Delibera n. 105 del 28.11.2009 della Giunta Comunale sono state stabilite le tariffe in vigore  per i servizi cimiteriali relative all'anno 2009.

La tariffa relativa all'inumazione di urna cineraria è di 15,75 Euro

Normativa di riferimento

Legge 130/2001

Legge Regionale Toscana 29/2004

DPR 285/90

DPR 254/03