Accessibilità
A+ A-   Larghezza pagina minima Larghezza pagina minima Larghezza pagina massima  
Matrimonio
Pubblicazioni di matrimonio
(data ultima modifica: 06/09/07)
Ufficio: Ufficio Relazioni con il Pubblico e Servizi Demografici
Indirizzo: Viale della Repubblica, 24
Telefono: 055 8477211 - 055 8477212 - 055 8477213
Fax: 055 8477298
Email: anagrafe@comune.barberino-di-mugello.fi.it
Orario di apertura: Dal lunedì al sabato ore 9:00 - 12:30; martedì e giovedì dalle ore 15:00 alle ore 18:00
Requisiti

Con il termine pubblicazioni di matrimonio si intende il procedimento con il quale l'Ufficiale dello Stato Civile accerta che non esistono impedimenti alla celebrazione del matrimonio, rendendo pubblica l'intenzione degli sposi con l'affissione in apposito spazio della casa comunale.

Possono farne richiesta tutte le cittadine e i cittadini maggiorenni che hanno lo stato libero, ossia non legati da un precedente matrimonio civile o religioso con effetti civili. Sono inoltre da tenere presenti i seguenti dati:

  • per le donne che avessero contratto un precedente matrimonio, decorrenza di 300 giorni dalla cessazione dello stesso;
  • le persone che decidono di sposarsi non devono essere legate da vincoli di parentela, di affinità, di adozione e affiliazione nei gradi stabiliti dal Codice Civile;
  • per i cittadini che hanno compiuto 16 anni e non 18 è necessario presentare decreto di autorizzazione del Tribunale dei Minori;
  • per gli stranieri comunitari e extracomunitari, occorre la dichiarazione di nulla osta, prevista dall'art. 116 del Codice Civile, rilasciata in Italia dall'autorità diplomatica (consolato o ambasciata) del proprio paese presente in Italia. Tale nulla-osta deve essere legalizzato presso la Prefettura competente, sempre che non si tratti di paese esente da legalizzazione (Austria, Belgio, Croazia, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Liechtestein, Lussemburgo, Macedonia, Norvegia, Olanda, Portogallo, Repubblica di San Marino, Slovacchia, Slovenia, Svizzera, Spagna, Turchia, Ungheria).
    In mancanza di nulla- osta occorre una sentenza del Tribunale Italiano.
Modalità di richiesta

La pubblicazione deve essere richiesta all'Ufficio di Stato Civile del Comune dove ha la residenza uno dei futuri sposi, anche in caso di matrimonio religioso valido agli effetti civili.
Nel caso di matrimonio con rito religioso occorre anche la richiesta di pubblicazioni del parroco della propria parrocchia.
 
La richiesta della pubblicazione può essere effettuata da entrambi gli sposi o da uno di essi delegato dall'altro o da una terza persona di fiducia che da essi ha ricevuto incarico con delega informale, presentandosi all'Ufficio di Stato Civile.
La documentazione necessaria verrà poi acquisita d'ufficio, dopo di che la coppia verrà contattata per fare la richiesta di pubblicazioni.
Per le pubblicazioni non occorrono più i testimoni.
L'ufficiale di Stato Civile provvede poi all'esposizione delle pubblicazioni presso l'apposito spazio della Casa Comunale e a richiedere analoga esposizione al Comune di residenza dello/a sposo/a, se diverso dal comune di Barberino di Mugello (Fi).

Iter procedura

Le pubblicazioni devono rimanere affisse in Comune per almeno 8 giorni consecutivi.

Costi

L'atto di pubblicazione è soggetto al pagamento dell'imposta di bollo pari a euro 14,62 (euro 29,24 se uno degli sposi non è residente nel Comune di Barberino di Mugello e si rende necessario procedere alla richiesta di pubblicazione ad altro Comune o all'Estero).

Avvertenze

Il matrimonio deve essere celebrato entro i 180 giorni successivi alla pubblicazione in un qualsiasi comune italiano.
Se è stata concessa dal Tribunale riduzione del termine di pubblicazione o dispensa dalla stessa, deve essere prodotto il relativo decreto.
Nel caso di matrimonio religioso gli interessati provvederanno al ritiro del nulla osta per la celebrazione da consegnare al Parroco o al Ministro di Culto.
Nel caso di matrimonio civili da celebrarsi in un comune diverso da quello di residenza degli sposi, gli stessi devono provvedere a richiedere apposita delega.